Cocktail Negroni Sbagliato: Ricetta e Storia Variante

Ogni Cocktail ha più o meno una storia ed un metodo di produzione da raccontare. Molti di essi con il passare del tempo affrontano delle variazioni, a volte, sono proprio le piccole varianti che fanno di un semplice drink un vero e proprio mito. Una delle miscele più amate nel mondo è quella del Negroni, composta da Vermouth Rosso, Bitter Campari e Gin, ideata dal Conte Negroni. Si tratta di un aperitivo forte e deciso, visto i suoi componenti. Per anni, la ricetta di questo cocktail è rimasta invariata, fino a quando agli inizi degli anni sessanta, un Bartender di nome Mirko Stocchetto, che lavorava presso il “Bar Basso” di Milano, sbagliò la ricetta del classico intramontabile Negroni sostituendo il Gin con dello spumante Brut, abbassando cosi la gradazione alcolica e il suo gusto un pò più dolce.

Non sappiamo se il barman cambiò di proposito uno degli ingredienti, ma a questo punto poco importa, dato che oggi la sua miscela è conosciuta con il nome di “Negroni Sbagliato” o semplicemente “Lo Sbagliato“, ed è molto apprezzata. Vediamo la preparazione di questa miscela del Cocktail Negroni Sbagliato.

Storie e Preparazione Cocktail Negroni Sbagliato

Cocktail Negroni Sbagliato: Ricetta e Preparazione Completa Variante

Dopo aver accennato sulle origini della nascita di questo ottimo cocktail, siamo pronti a descrivervi l’intero processo di preparazione della ricetta di questa variante del negroni detto cocktail negroni sbagliato. Le informazioni descritte e commentate in seguito vi permetteranno di creare questa fantastica miscela ottima da degustare come aperitivo.

Ingredienti

  • 3 cl Spumante Brut
  • 3 cl Bitter Campari
  • 3 cl Vermouth Rosso

Attrezzatura

  • Bicchiere Tumbler Basso
  • Bar Spoon

Preparazione

Mettete qualche cubetto di ghiaccio nel Tumbler, versate tutti gli ingredienti, lasciando lo spumante per utlimo, date una leggerissima mescolata con un Bar Spoon e guarnitelo con mezza fetta di Arancia.

Decorazione

  • 1/2 Fetta d’Arancia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *